sabato 7 gennaio 2012

* nessuno ne parla e noi ci avveleniamo...

Il 17 dicembre scorso l’Eurocargo Venezia della compagnia Grimaldi Lines, ha perso nel tratto di mare tra Gorgona ed il Banco di Santa Lucia, alcuni semirimorchi carichi di merce pericolosa: 224 bidoni contenenti ognuno 200 chili di monossido di cobalto e molibdeno.
Fino al 30 dicembre nemmeno una parola, quando è uscito un articolo sul quotidiano gratuito on line Qui Livorno.
Naturale, si era nel periodo delle festività natalizie e di fine anno: una notizia del genere avrebbe provocato un danno enorme alla rivendita del pescato! che importa se il materiale contenuto nei bidoni dispersi diventa pericoloso a contatto con l’aria scaldandosi fino ad alte temperature e producendo fiammate bluastre e liberando polveri e gas tossici, che importa se esperimenti su animali hanno indicato che troppo molibdeno causa deformità fetali!
Eppure le ricerche del carico disperso sono iniziate subito, la Capitaneria di Porto si è messa al lavoro immediatamente. Le autorità sapevano, ma di allertare la popolazione locale nessuno si è preoccupato. E' vero che non si sa se i bidoni nella caduta si sono danneggiati, se hanno perso parte del contenuto, ma appunto NON SI SA, e nel dubbio... voi lo mangereste del pesce di cui avete il DUBBIO che sia contaminato?
Io l'ho sentito per caso, alla radio, due giorni fa. Ho ascoltato i TG, nazionali e regionali, negli ultimi giorni. NULLA. SILENZIO.
Sono molto affezionata al mio pescivendolo di Livorno, ma il pesce, almeno per ora, non andrò più a comprarlo. Peccato che il giorno prima di sapere avessi comprato delle cicale, una sogliola per la Gnoma, e delle triglie... ormai le abbiamo mangiate. Ma che rabbia! oh, che rabbia! 
Domani, 8 gennaio, è prevista una manifestazione di protesta al Porto Mediceo di Livorno.
Ma anche di questo, fino ad oggi, non ho sentito parlare...
:o(

edit dell'8 gennaio 2012
Oggi siamo stati al Porto fino alle 11:30 e non c'era ancora nessuno... Mi chiedo chi possa averla notata a quell'ora (le 12:00), in un posto totalmente defilato dal centro cittadino.

9 commenti:

  1. come dicevo alla manifestazione poco o nulla come numero di persone speriamo che ne parlino di piu' anche alla tele e sopratutto bisogna tanto diffondere lle notizie.
    In corsica negli ultimi 10 anni quasi il 90 % dei saraghi superiori al 1\2 kg scoppia letteralmnete in cottura e le carni diventano dure e gommose: su' internet varie cause si suppongano , dall'alimentazione di questi all'inquinamento,al cambiamento di sesso ecc.Di questi saraghi ne' sono testimone essendo stato molte volte a pesca in corsica e il fenomeno per quello che ho visto e' piu' diffuso proprio li'.Chissa cosa e' ,comunque solo ai saraghi succede.Se qualcuno sa' di piu'.....Alla manifestazione parlavano anche della centrale a bio masse a livorno: questa e' da' tenere sotto controllo a livello di emissioni nocive , ma' se la costriranno temo abbiano sulla carta le cose in regola.
    Ciao a tutti mau

    RispondiElimina
  2. @ Maurizio io ci provo a parlarne, ma gli organi di stampa principali tacciono.
    Oggi c'è un altro articolo sulla faccenda su Panorama.it, insieme ad un'intervista a un pescatore livornese che dice che non è la prima volta che vengono “persi” o gettati in mare davanti alla costa livornese e in prossimità dell’Arcipelago Toscano bidoni con sostanze tossiche, e che a loro capita spesso di tirarne su con le reti, che denunciano la ocsa alle autorità, ma nulla succede.

    Quanto ai saraghi che scoppiano chiederò a mia cugina che è biologa della pesca e a volte collabora proprio con l'Arpat di Livorno. Il cambio di sesso come ragione possibile mi fa proprio ridere, visto che tantissimi pesci nascono femmina e poi cambiano sesso ad un certo punto della loro maturazione.

    RispondiElimina
  3. si grazie domanda per favore di questi saraghi che sono molto curioso.A pensare che peschi delle sleppe di 1 kg ,belli , panciuti e poi in cottura si tramutano in "ALIEN".
    Approfitto per chiedervi se' vi accorgete quando uno a commentato magari anche qualcosa di vecchio(io penso comunque che uno si dovrebbe sfogliare gli storici ma' è impensabile farlo...).

    RispondiElimina
  4. @ Maurizio, ho parlato con mia cugina, mi ha detto che questo fenomeno dei saraghi è comune a tutto il tirreno (quindi non solo limitato alla zona Corsica-Capraia), e che ancora non si è capito quale ne sia la causa. L'ipotesi più accreditata è che sia cambiato qualcosa nella loro alimentazione, di sicuro l'uomo ha qualche responsabilità.

    Quanto ai commenti, blogger, la piattaforma su cui sono costruiti questi blog, ha un sistema che impostato in modo che io riceva una mail ogni volta che qualcuno commenta, così che io possa decidere se pubblicare il commento o no (in caso di spam per esempio), e se mi sfugge qualche commento me lo segnala ogni volta che apro l'editor dove scrivo i post.
    Come mai me lo chiedi? hai commentato da qualche parte e non hai visto pubblicato il tuo commento?
    a volte può a che capitare che i commenti si perdano, magari a causa del segnale lento uno crede che si siano salvati invece si perdono...

    RispondiElimina
  5. ho letto solo il 20 % del blog e se' c'era qualcosa di interessante poteva valere la pena di commentare anche se' era vecchio ma' se' non lo legge piu' nessuno.....te ne' accorgi solo te' ?No' non ho commentato qualcosa di cui ( e vi ringrazio perche' e' cosi che si fa' altrimenti che blog e') non avete risposto
    Per i saraghi comunque avevo gia' deciso di non mangiarli piu' se' scoppiano in cottura , tanti mi dicano: e' perche' le devi bagnare continuamente nel forno e io gli rispondo : ma' va' ???mau

    RispondiElimina
  6. @ Maurizio se commenti, anche ad un post molto vecchio, io me ne accorgo e ti rispondo pure :o)
    capita che ogni tanto qualcuno ancora commenti nel vecchio blog
    i saraghi meglio lasciarli perdere, per quanto buoni (quando ero ragazzina mi piacevano molto, e il mio fidanzato di allora, pescatore subacqueo, quando poteva me ne portava uno), sono molto spinosi.
    Hai mai preso le occhiate col nattello? nel vecchio blog c'è un post proprio su questo tipo di pesca, se hai voglia di leggerlo o trovi qui http://www.lafilibusta.blogspot.com/2008/07/una-settimana-di-mare-ottima-compagnia_07.html

    RispondiElimina
  7. ops Maurizio, mi sono dimenticata di dirti che ti suggerivo le occhiate perché, per quando sicuramente meno saporite dei saraghi, fanno parte della stessa famiglia... e anche se non sono facili da prendere, col nattello il risultato è assicurato!

    RispondiElimina
  8. PARTE 1 si lo so' ,si butta in mare una decina di nattelli ognuno con 4 l'ami e il pane e poi si lasciaano andare a corrente , ma le occhiate sono piu' spinose dei saraghi.Quando ne prendi uno sano(di sarago) di 8 etti 1 kg poi me lo racconti.....ti ciucci anche le lische.
    Parte 2: ti dicevo se i commenti nuovi sui vecchi blog te' ne' accorgi solo te' oppure anche noi ? mi sa' solo te' noi bisognerebbe sfogliare tutti i blog a ritroso per vedere se' c'è un commento nuovo.Il format di una nuova discussione poi deve comunque iniziare da' te' , o possono farlo anche gli altri?mau

    RispondiElimina
  9. @ Mau è vero sono più spinose e molto meno saporite, però pescarle e mangiarle quando sei in barca ha un suo gusto particolare.
    I saraghi lo so che sono buoni... ma, per i motivi di cui hai parlato tu, meglio non mangiarli.
    Per quanto riguarda ai commenti sui vecchi post, se tu commenti e clicchi sul link "Iscriviti per email ricevi una mail ogni volta che qualcun'altro commenta, me compresa. E chiunque può fare un commento per iniziare una conversazione.

    RispondiElimina

Che ne pensi? e dai!!! lasciami un commento...