lunedì 27 gennaio 2014

* Tutorial: porta piante in macramé

A me piace avere le piante anche in casa, ma lo spazio non è moltissimo, per cui una soluzione è "appenderle". Mi sono sempre piaciuti i portavasi in macramè che, però, non solo non si trovano facilmente, ma quando si trovano costano un occhio della testa. 
"In fondo - mi sono detta - non sono che nodi, bisogna solo capire come farli..." e a questo punto, come al solito, la rete mi ha aiutata. Ho trovato un semplicissimo tutorial QUI
Ecco come si procede.
Vi servirà del filo di lana, o di cotone o di spago, un po' spesso; forbici; un ago da lana con la cruna larga; un anello di metallo; perline di legno o vetro nel caso vogliate aggiungerne qualcuna per decorarlo.

Si parte misurando 16 pezzi di filo lunghi 2 metri, si piegano a metà - in modo da ottenere 32 fili lunghi 1 metro - e si fanno scorrere attraverso l'anello di metallo nel punto della piega.


Si avvolge un altro pezzo di filo attorno, in modo da fermare i fili, per qualche centimetro, lo si fa passare sotto con l'aiuto di un ago, lo si fissa e si taglia in modo che il capo resti nascosto.

A questo punto si separano i fili in 4 gruppi da 8 e si comincia ad annodare ogni gruppo a una distanza di 25/30 cm dall'anello. 



Ora si devono dividere a metà i gruppi annodati e annodarli insieme alla metà del gruppo successivo, creando 4 nuovi gruppi di 8 fili a circa 15/20 cm di distanza dal nodo precedente.

Bisogna poi continuare ripetendo questo procedimento ancora due volte alla distanza di circa 10 cm dal nodo precedente.

Alla fine ci saranno 4 file di nodi prima dell'ultimo grosso nodo finale che raccoglierà tutti i fili insieme.


Volendo si potranno aggiungere delle perline di legno o vetro lungo i fili man mano che si annodano, oppure sotto, lungo i fili che fuoriusciranno dal nodo finale.

Ora non resta che inserire con attenzione il vaso prescelto nel portavaso e appenderlo dove volete!!

Io ne ho fatti due: uno è quello che vedete fotografato passo passo, l'altro è invece realizzato con lo spago. 
Avrei voluto farvi vedere anche quest'ultimo e la pianta appesa, ma dovrete aspettare: la macchina fotografica è defunta (ahimé!!!), le foto che illustrano il tutorial le avevo fatte quest'estate... [segno che avevo tutta l'intenzione di tornare!!!].

A proposito della macchina fotografica defunta, dal momento che non posso più scattare foto, mi sa che non potrò scrivere per un po'... almeno finchè non troverò una sostituta, temporanea o fissa che sia...
Abbiate, ancora una volta, pazienza, e magari intanto provate a fare il vostro portavaso!

:o)
EDIT del 14.02.2014
QUI le foto del portapiante appeso!

11 commenti:

  1. Bello il portavaso...ma tu sei troppo brava! Torna presto, anche senza foto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verdiana, io ti ringrazio, ma questo portavaso è proprio una delle cose più semplici che io abbia fatto... sembra complicato, ma non lo è per niente!
      Mi sto attrezzando per continuare a scirvere...

      Elimina
  2. Sei tornataaaaa!!!! E' talmente bello che non mi sembra verooo!!! Adesso con calma mi leggo tutti tutti tutti i post che hai scritto dal tuo ritorno nella blogosfera!
    Intanto ti lascio un abbraccione formato gigante! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Viviana!!! ma mi sembrava di aver lasciato un commento da te in cui te lo dicevo... mah, i msteri della rete.
      Ricambio il tuo entusiasmo e il tuo abbraccione!

      Elimina
    2. Però che tristezza leggere della dipartita della macchina fotografica... Per il momento potresti accontentarti di una compattina, tanto l'importante è che tu non sparisca più dalla blogosfera: io mi accontenterei anche di post senza foto, pur di leggerti! :-)

      Elimina
    3. non scompaio... promesso! abbiamo recuperato una compattina del Capitano, ma la batteria si scarica dopo poco e in più è finita nelle grinfie della Gnoma che (che te lo dico affa') ha imparato in tre secondo come si usa e fotografa a tutto spiano qualsiasi cosa, dai suoi piedi, ai pupazzi in tute le pose, me da una prospettiva "dal basso in alto " che non rende per nulla giustizia alla mia già sformata figura!!! ahaha Farò del mio meglio, promesso!!

      Elimina
  3. bello! e sono curiosa di vederlo con il vaso...
    intanto senza macchina potresti scrivere post riflessivi e concettuali..... :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sere, il vaso ho provato a fotografarlo con una vecchia macchina digitale compatta di Marco: risultato orrendo, perché non riesco ad escludere il flash, e io odio l'effetto flash... ci riprovo ma dubito, comunque sta proprio bene!

      Elimina
    2. ah, quanto al tuo suggerimento, mi viene proprio difficile fare lunghe riflessioni per iscritto, a volte mi riesce, ma devo proprio essere ispirata e, soprattutto, tranquilla, vale a dire dovrei essere a letto e in procinto di dormire, quelli sono i momenti in cui rifletto di più... vediamo se mi riesce di portare qui i pensieri notturni! :o)

      Elimina
  4. peccato, avrei voluto vedere l'effetto finale!! :-( nessuna speranza per la macchinetta?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Francesca per la macchina non credo: in realtà il problema è all'obiettivo, che ho già fatto riparare una volta con un espborso pari quasi alla metà del suo valore, per cui una possibilità è cambiare l'obiettivo, ma per prenderne uno come si deve conviene quasi cambiare tutto, macchina compresa... singh! però sto cercando di attrezzarmi, come diavolo faccio senza macchina fotografica???

      Elimina

Che ne pensi? e dai!!! lasciami un commento...