sabato 21 luglio 2012

* incontri terrestri .:. 3 - la rana che non era una rana

... ma un rospo, per l'esattezza un Rospo smeraldino (Bufo viridis), detto anche rospo verde.

Questo anfibietto simpatico, spesso visita il nostro giardino, ma come è normale per quelli della sua specie, soprattutto di notte. 
Stavolta nello scoprire la piccola piscina dove qualche volta Sara fa il bagno, che teniamo coperta per evitare che si riempia di incauti insetti e di foglie portate dal vento,  è venuto fuori in pieno giorno.
Qui li chiamano "Bodde", o rane di terra vista la loro abitudine di rifurgiarsi durante il giorno all’interno di tane di micromammiferi abbandonate.
Naturlamente la Gnoma è stata entusiasta dell'incontro in piena luce...


Naturalmente poi l'abbiamo lasciato andare, poverino, dopo questo pieno di "coccole" sicuramente indesiderate a giudicare da come si vedeva battere forte il suo cuoricino.
E meno male che ho letto solo dopo che "Se disturbato emette dalle ghiandole cutanee dorsali una secrezione biancastra velenosa, dall’odore di aglio, irritante per le mucose", perché altrimenti non so quanto l'avrei lasciata libera di prenderlo in mano, per fortuna però non ha secreto nulla, forse era spaventato, ma non tanto da pensare di doversi difendere... chissà!

:o)

edit del 25 luglio 2012:
un'annotazione molto importante. Sul forum di Acta Plantarum dedicato agli anfibi mi sono imbattuta in una nota di uno dei moderatori che faceva notare che "Per la salvaguardia degli anfibi e per evitare di trasmettere loro malattie non si devono assolutamente toccare a mani nude ed asportarle dal loro abitat. E' da ricordare che sono animali a sangue freddo per cui c'è il pericolo di scottarli visto che la nostra temperatura corporea è sui 37 gradi centigradi."
Come avrete notato dalle foto, noi il povero rospetto smeraldino [che è pure abbastanza raro] lo abbiamo toccato eccome! per fortuna le nostre mani erano bagnate, dal momento che era nell'acqua, però non avremmo dovuto farlo lo stesso, ma non lo sapevamo.
Naturalmente non succederà più. Non imitateci!!

20 commenti:

  1. La gnometta è così un tutt'uno con la natura che il rospo l'ha sentito, non c'era motivo di cacciare sostanze per la difesa! Troppo simpatico :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Sarah deve essere così, non si sentiva minacciato, è evidente! Sara oramai prende in mano qualsiasi animale, anzi bisogna stare attenti con tutte le api che abbiamo in giardino... ma sembra aver capito, confidenza si, ma senza infastidire le povere bestiole.

      Elimina
  2. I bambini hanno poteri magici: non credo che il rospo avrebbe mai emesso secrezioni velenose con Sara, vista anche la dolcezza con la quale lo teneva:)
    Tanti anni fa nel giardino della casa dove abitavo con i miei c'era un rospo, qui si chiama boddo, che ho visto poche volte e toccato mai: era molto grosso, l'avevo chiamato William!
    A presto!
    :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Anna il modo di chiamarlo deve essere proprio toscano, con le dovute differenze da zona a zona (bodda/boddo)! il tuo rospo, senza saperlo aveva il nome di un principe vero!!!
      ciao!

      Elimina
  3. Gli animali hanno un senso senso che li informa delle intenzioni di chi si trova davanti a loro. Come poteva voler male ad piccolo essere dei boschi, un altro altrettanto piccolo animale silvestre? La foto 2 può entrare nella mia personale top ten degli ultimi mesi! Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Gianleo lo penso anche io, loro hanno la capacità di ascoltare l'istinto, ce l'avremmo anche noi ma non sempre sappiamo usarla.
      La foto 2 la trovo anche io speciale: il passaggio di esperienza dal nonno alla nipote e la fiducia.

      Elimina
  4. sembrerebbe cucciolo. quella che vigila sul mio orto, ammesso che sia sempre la stessa, di giorno alberga sotto le foglie dei fagioli ed è molto più grande....vedrai tra un po'.
    bellissimo poterla toccare, io però non avrei avuto il coraggio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Barbara è molto probabile che fosse un esemplare giovane: ho letto che il maschio di questa specie è più piccolo della femmina, di solito è lungo fra i 6 e gli 8 cm, le femmine possono arrivare a 14 cm di lunghezza, ma nella maggior parte dei casi sono comprese fra 8 e 10 cm.

      Anche io non l'ho toccato, pur se fortemente tentata, ma poverino aveva subito già troppi palpeggiamenti, e comunque preferirei di gran lunga toccare un delfino!

      Elimina
  5. Troppo bello il rospetto!
    Bellissima tua figlia che lo tiene in mano con tenerezza, consapevole che è un esserino a cui non bisogna fare del male...
    Ciao Filibustieri!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Ilaria,la Gnoma sta crescendo anche lei con la curiosità per la natura, e cerchiamo di insegnarle a rispettarla. Per gli animali poi ha una vera passione! pensa che vedendo un film ha realizzato che Babbo Natale verrà mentre lei dorme su una slitta trainata dalle renne, sono giorni che dice che quando verrà lei accarezzerà le renne!

      Elimina
  6. oh Vale, ripensandoci hai provato a dargli un bacetto? ...non si sa mai! Certo considerando i "principi" che girano oggi è meglio non rischiare!!;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ barbara il bacetto se mai glielo doveva dare Sara, io il mio principe l'ho già trovato! :oP

      Elimina
  7. grande sara! come con le lumacone, lo tiene proprio come...se niente fosse.
    e vali, tu fai sempre delle bellissime foto!
    (sai che da piccola...ma meno piccola(!)...ne trovavo nel giardino di nonna linda?)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ zia Mariella immagino che ce ne fossero anche lì, del resto questi rospetti vivono più nella terra umida che in acqua. Io del giardino di nonna Bianca e di nonna Linda ho un bellissimo ricordo, tra violette, tartarughe di tutte le misure e gelsomini da ciucciare!

      Elimina
  8. Ma sono bellissime queste fotooo!!! Il rospo smeraldino è piuttosto raro, quindi è proprio una bella cosa che abbia scelto di rinfrescarsi nella vostra piscinetta, e Sara, dal canto suo, cresce che è un amore: si vede che le avete insegnato il rispetto per la natura e tutte le piccole creature!
    Ci dire? Ti sommergo di complimenti, per tutto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Viviana grazie mille per le tue parole!
      lo so che i rospi smeraldini non sono molto comuni, ma qui ce ne sono abbastanza; anche noi però, come avrai notato dall'edit che ho scritto oggi, sbagliamo per ignoranza, anche se del tutto involontariamente... per fortuna era nell'acqua e le nostre mani bagnate! speriamo che quel rospetto stia bene!

      Elimina
  9. dev'esser parente stretto di quello che gira[va] qui... ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ firulì anche voi avete nel giardino dei principini sotto mentite spoglie?
      baciuzzi

      Elimina
    2. è che non sono ancora riuscita a baciarlo, maledizione! :D

      Elimina

Che ne pensi? e dai!!! lasciami un commento...