mercoledì 11 luglio 2012

* Autoproduzione: dentifricio fai da te

Già da diversi anni non usiamo più i dentifrici comuni perché contengono sostanze dannose per l'organismo, come per esempio il Triclosan e o il floruro di sodio.
In commercio ci sono prodotti di ottima qualità che non contengono queste sostanze, ma ovviamente il loro costo è abbastanza alto e, dal momento che di questi tempi abbiamo bisogno di fare economia, mi sono detta "Perché non autoprodurlo?".
Ho trovato qui la ricetta che vi riporto; è un sito interessante dove oltre a dare una più che esauriente informazione sugli ingredienti tossici usati nei dentifrici tradizionali, l'autore (o autrice, non lo so) Dioni suggerisce una serie di ricette adatte alle diverse esigenze di chi volesse fare da sé un dentifricio efficace e che non faccia male, a costi molto contenuti.
Io ho provato a fare la ricetta del dentifricio classico, anche perché avevo già tutti gli ingredienti necessari.



Ecco cosa ho usato:
3 cucchiaini di salvia essiccata
2 cucchiaini di menta essiccata
1 pizzico di sale fino comune (in alternativa il sale rosa dell'Himalaya, è più puro e dal sapore meno forte)
3 cucchiaini di bicarbonato di sodio
5 gocce di Tea Tree Oil
glicerina vegetale (si trova in farmacia o erboristeria, chiamata anche glicerolo) quanto basta


Ho tritato insieme la menta, la salvia, il sale e il bicarbonato per ridurli in polvere, poi ho usato anche il mortaio in modo da rendere tutto ancora più fine.



Poi ho aggiunto il glicerolo fino ad ottenere una consistenza pastosa ma fluida, dopodiché ho aggiunto le gocce di olio essenziale.

L'autore della ricetta lo conserva in un barattolo di vetro, io invece ho utilizzato il tubetto del vecchio dentifricio bio, fatto di plastica e quindi riutilizzabile, dopo averlo ben lavato e disinfettato e lasciato asciugare. Per riempirlo ho usato il siringone che vedete nella foto.

Come spiega Dioni nel suo blog "la glicerina farà sì che gli ingredienti si amalgamino perfettamente e non vadano a graffiare lo smalto dei denti con la loro granulometria".
Altro suggerimento di Dioni per ottenere un prodotto più sano possibile è di usare ingredienti biologici.

Stiamo usando questo dentifricio fai-da-te da più di una settimana ormai e credo che lo adotteremo come nostro, dal momento che lascia una piacevolissima sensazione di bocca pulita, oltre che un aspetto anche più bianco dei denti...  del resto mia suocera mi ha raccontato che quando era ragazza i denti li lavava strofinandoci sopra le foglie di salvia...

:o)  

25 commenti:

  1. Molto, molto interessante!
    Da provare sicuramente, anche se mio marito non è molto per il faidatè per questo genere di cose...
    Ho tutti gli ingredienti tranne la glicerina... che comprerò, quindi perchè non provare?
    Grazie mille per la dritta!
    Ciao amici, a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Ilaria gli ingredienti sono talmente facili da reperire (almeno quelli di questa ricetta) e così a basso costo, tranne il Tea Tree Oil, che comunque può esere impiegato in tantissimi altri utili modi, che vale la pena di provare, chissà che tuo marito non si ricreda!

      Elimina
  2. Carinissimo, io quando mi sento un pò infiammata con le gengive e ho voglia di pulire a fondo i denti uso il dentie (in tal caso ti interessi poi ti spiego pure cos'è) :)))
    Baci, sempre cose carinissime qui Vale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Sarah e se condo te?? certo che voglio sapere cos'è il dentie.
      baci baci a te!

      Elimina
    2. E' una polvere nera finissima di un vegetale (la melanzana) carbonizzato, è l'antiemorragico per eccellenza e si trova nei negozi macrobiotici. Per i denti fenomenale! ;)

      Elimina
  3. aaaah che ridere!!...sto pensando già a quando lo rifilerò al mio capitano e gli dirò che è tutta colpa TUA!
    KissKiss

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ barbara ahahah, mi hai fatto ridere, mi immagino la faccia di Fabio!

      Attenta al sale che può dare noia, io ho dovuto rifarlo perché per Marco era troppo forte, però nei giorni in cui abbiamo riusato il vecchio dentifricio, strizzando il tubetto all'infinito, mi ha detto "In confronto con questo sembra di lavare i denti con l'acqua fresca"...

      a Fabio digli che mi farò perdonare con le melanzane a barchetta quando verrete!

      Elimina
  4. Eh, mi stavo proprio domandando: "Sì, va beh, ma dove lo si conserva?" e tu hai già risposto alla questione! L'idea di riciclare pure il tubetto di plastica del vecchio dentifricio mi pare spettacolare quasi quanto la ricetta per produrselo da sè! Bravissima come sempre Mamma Vale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Viviana quello è stato un caso, perché il dentifricio che usavamo prima non è di quelli nei tubetti di alluminio... però è un bel riciclo, è vero!

      Elimina
  5. certo che mi stai invogliando... in realtà io non ho quasi niente in casa di quello che serve (niente Tea Tree Oil, niente glicerina, sale rosa e la menta non so se è sopravvissuta all'avanzare della salvia)... ma la tua descrizione entusiasta mi fa proprio venire voglia di farlo... anche perchè, comprando i dentifrici bio, stiamo spendendo un bel po'!
    strusciare le foglie di salvia sui denti, per sbiancarli, lo conoscevo anche io, come metodo... lascia un sapore buonissimo in bocca, e funziona davvero! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ francesca il costo dei dentifrici bio è il motivo per cui mi sono decisa a provare, e devo dire che ne è valsa la pena; magari più avanti proverò anche qualcun'altra delle ricete suggerite da Dioni.
      Ah! menta e slavia vanno usate secche e non fresche, anche io ho le piante in giardino, ma separate, perché entrambe un po' invasive...

      Elimina
  6. Sto sempre attenta al dentifricio che compro e a usarne il giusto. Ho spesso pensato a farlo da sola, ma il tempo mi scappa sempre di mano.
    Però l'idea è molto interessante, così come il sito che linki, dove ci sono tantissime ricette... Proverò!
    A presto!
    :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Anna per fare questo con il minipimer ci vogliono 10 minuti, non di più, è velocissimo da preparare.
      Male che va sale, salvia e menta li usi in cucina, il bicarbonato ha mille usi, l'olio di tea tree anche, il gricerolo può essere usato anche per preparare le bolle di sapone o per emulsioni idratanti casalinghe... per cui non butterai via nulla!

      Elimina
  7. Bellissima proposta, io ho mescolato il bicarbonato di sodio con o.e. di salvia e di menta, ovviamente lo devo usare ben bagnato per non arrecare dei danni allo smalto, ma andrò a cercare la glicerina... da quando lo uso sento la bocca molto più fresca e risparmio perchè usavo un dentifiricio che pesava abbastanza sul bilancio familiare!
    Visto che ce l'ho fatta ad "associarmi"? Sto lavorando in modalità provvisoria a causa di un problema al software ancora irrisolto e non sempre riesco a trovare tutto...

    RispondiElimina
  8. @ Tatiana anche io sono stata spinta a cercare una ricetta homemade perché il dentifricio che compravamo ultimamente era davvero troppo caro, e ora che mi ci fai pensare devo farlo: è finito!!!!

    non dubitavo che tu riuscissi ad associarti!
    :o)

    RispondiElimina
  9. Ciao a tutti! anche da un po' sto usando il dentifricio fatto in casa utilizzando salvia ed equiseto secchi, bicarbonato di sodio, glicerina vegetale e olio essenziale di menta. Ultimamente sono rimasto senza glicerina e in farmacia dove la prendo è davvero molto cara e quindi sto cercando negozi piu' economici ma non tutti la vendono...nel frattempo ho fatto un impasto con fecola di patate e acqua per dare consistenza al dentifricio...il risultato non è male ma mi chiedo se sia una buona idea o meno. che ne pensate? grazie.

    Davide

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Davide ciao... ingegnosa la tua trovata per sostituire il glicerolo, non so dirti però se sia una buona idea o meno. Credo che se il risultato ti sembra buono perché non usare la fecola e l'acqua (meglio se distillata) come addensanti. Il problema che potrebbe creare la semplice acqua di rubinetto o delle bottiglie è, dopo un certo tempo, lo sviluppo di batteri. Io chiederei, per maggiore sicurezza, un parere direttamente a Dioni, autore del post dove ho preso questa ricetta, lo trovi nel suo blog qui Dioni, o sulla sua pagina FB qui Dionidream. Credo sia la persona più indicata a darti una risposta.
      Poi fammi sapere che interessa anche me! ciao e buona sperimentazione!

      Elimina
    2. Ok grazie...ho visto che molti usano anche l' argilla verde o bianca per fare il dentifricio. ma va diluita con l' acqua giusto? ieri usando l' impasto di mia invenzione ho avuto un' infiammazione su gengive e lingua..non mi era mai successo e non so dire se sia imputabile all' impasto o se era una cosa che mi sarebbe venuta comunque...

      Davide

      Elimina
    3. ho letto su internet che la glicerina vegetale la vendono anche in ferramenta? ma è vero? e secondo voi è davvero vegetale? ho riutilizzato il mio impasto e ho nuovamente avuto l' infiammazione...quindi potrebbe essere dovuta al mio esperimento...

      Davide

      Elimina
  10. @ Davide, sull'infiammazione non saprei dirti, anche se sembra proprio sia dovuta al tuo esperimento. Non sono un'esperta ed è per questo che mi affido ad altri con esperienza come Dioni; un'altra fonte molto autorevole è Fabrizio Zago del sito Biodizionario.it e gestore del Forum Promiseland, puoi rivolgerti a lui per chiarimenti sia sull'uso dell'argilla che sul tuo esperimento. Nel forum troverai molte ricette e notizie utilissime per le preparazioni casalinghe.

    Quanto alla glicerina venduta in ferramenta credo che se pure è vegetale non sarà certo adatta all'uso di preparazioni cosmetiche, eviterei di usarla e continuerei a prenderla in farmacia.

    RispondiElimina
  11. Ciao. Ho chiesto info a Dioni come mi avevi suggerito. Dice che la fecola puo avere una granulosità che sfregando crea irritazione. Inoltre mi ha consigliato di usare olio di sesamo lino o girasole bio al posto della glicerina, dato che la glicerina stessa è derivata dagli oli esausti di origine vegetale, quindi tanto vale usare direttamente l' olio...


    Davide

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Davide grazie! ottimo suggerimento, e di certo più economico!

      Elimina
  12. Ciao, ne ho preparato uno di recente per gengive sensibili: Argilla Bianca + Acqua di Amamelis (purificante e lenitiva)1/3 gocce O.E. Limone. Sono entusiasta!!!
    La ricetta e gli ingredienti li ho presi da questo sito: http://www.prodottidibenessere.it/it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Madame Fleur, grazie della segnalazione, sembra molto interessante, approfondirò!

      Elimina

Che ne pensi? e dai!!! lasciami un commento...