mercoledì 30 gennaio 2013

* Cosa c'è di VERDE nella nostra vita?

Una sera di due settimane fa, mentre ascoltavo Caterpillar su Radio due, ho sentito rivolgere agli ascoltatori questa domanda: "Cosa c'è di verde nella vostra vita?".
Via alle telefonate e ai contrubuti. 
Così mi sono ritrovata a fare anche io, mentalmente, un elenco delle "azioni verdi" della nostra famiglia, eccolo qui:
  • la casa in bioedilizia [niente materiali inquinanti]
  • il riscaldamento a pavimento con pompa di calore geotermica
  • i pannelli solari per l'acqua calda
  • il compostaggio dei rifiuti organici
  • tutte le lampadine in casa sono a basso consumo o led
  • il detersivo spray igenizzante home made
  • detersivo eco home made e acido citrico (come anticalcare) per il bucato, a volte percarbonato usato come smacchiatore/sbiancante; lavatrice con carico diretto dell'acqua calda e SEMPRE il programma ECO
  • pastiglie per la lavastoviglie ecologiche, biodegradabili al 100% (max consumo di acqua per lavaggio 7 lt e carico diretto dell'acqua calda)
  • il deodorante home made
  • il dentifricio home made
  • il gel nutriente per i capelli oil-non-oil ai semi di lino home made di ErbaViola
  • la raccolta differenziata (of course! c'è da chiedersi come possa esserci ancora chi non la fa) 
  • il pane (con la pasta madre), i biscotti per la prima colazione, marmellate e conserve fatti in casa, più km zero di così!
  • automobili (purtroppo due!) a metano
  • il piccolo orticello biologico
  • i semensai per l'orto fatti utilizzando i contenitori delle uova, o i rotoli della carta igienica
  • per quel che è possibile, alimenti biologici (latte, uova, pelati, olio di semi di girasole, olio extravergine d'oliva SEMPRE)
  • il "dado" vegetale home made
  • oggetti d'uso quotidiano realizzati con materiali di riciclo, tipo bloc notes fatti con i fogli usati da un solo lato, o il cestino con la carta da imballo, o le scatole per contenere gli oggetti realizzate riutilizzando le scatole da scarpe o simili
  • giochi e pupazzi per la Gnoma fatti con materiali riciclati 
  • usiamo sempre i coperchi sulle pentole e sul fornello adeguato
  • spegniamo sempre le luci quando non servono (anche la Gnoma lo fa di già)

VERDE
Avremmo voluto mettere anche i pannelli fotovoltaici, ma la costruzione della casa ha prosciugato tutte le nostre risorse, non siamo riusciti ad accedere ai finanziamenti, per cui questo passo ulteriore verso "il verde" è, per ora, rimandato.

In fine ne approfitto per ricordare che il prossimo 15 febbraio è la Giornata del Risparmio Energetico, promossa da Caterpillar; noi, come ogni anno, aderiremo!


E voi? cosa fate di "verde" nel vostro quotidiano?


20 commenti:

  1. si ma voi siete avantiiiiii
    io, pur essendo Mammaeco, sono molto meno verde di voi, ma mi sto impegnando per migliorare...se non altro mi dedico moltissimo all'autoproduzione...e detto da una che fino all'anno scorso non sapeva neanche che per fare il sapone sono sufficienti acqua, olio e soda..è un successone dai!! :-P
    baci e buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Giorgia la strada è lunga per tutti! I spero che i nostri piccoli (o grandi) gesti quotidiani aiutino un pochino questo nostro martoriato pianeta!
      un baciotto :o)

      Elimina
  2. Dei veri virtuosi! Bravi! Qui c'è tanto da migliorarsi ancora, ma sulla differenziata siamo bravissimi e orgogliosissimi visto che il problema rifiuti dalle nostre parti è una vera piaga!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Verdiana c'è davvero da essere orgogliosi! io ricordo che Cava è stata sempre un po' avanti anche in questo rispetto a Salerno. Già quando ci vivevo io, più di 10 anni fa, la differenziata si faceva, anche se quelli della ditta preposta alla raccolta sostenevano che veniva poi messo tutti insieme in discrica. Io credo che ora le cose siano cambiate, almeno lo spero!
      A Salerno invece è un vero disastro: la raccolta "porta a porta" si traduce in montagne di sacchetti davanti ai portoni, visto che spesso i contenitori sono insufficienti, o vengono rubati [!!!], è capitato dove abita mia mamma.
      E non c'è uno straccio di cestino per strada... mio suocero a Natale si è sentito rimproverare da una signora perché aveva buttato un fazzoletto di carta bianco in un contenitore dell'organico, perché a suo dire dal momento che il contenitore era del condominio col suo gesto rischiava di fargli prendere una multa! Gli ha detto :"Siete voi turisti a sporcare questa città!"... io me lo sono trascinato via!

      Elimina
  3. Ciao amica verde!
    Interessante fonte di ispirazione questa domanda!
    Essendo il verde il mio colore preferito, come ben sai, cerco di fare del mio meglio per diventare sempre più verde e spero un giorno di poter mettere anch'io l'impianto fotovoltaico in casa.
    Nel frattempo le nostre azioni verdi per ora sono:
    riscaldamento a pavimento, rigorosa e doverosa raccolta differenziata, lampadine a basso consumo o led, interruttori automatici di standby, faccio lavatrice e lavastiglie solo di notte (rigorosamente di classe A+) e non uso l'asciugatrice, quando è possibile pulisco con prodotti naturali come aceto, bicarbonato, ecc., spengo sempre la luce dove non serve, anche al lavoro, quando riusciamo compriamo alimenti biologici, riutilizzo spesso gli oggetti e quando non so più dove metterli li vendo ai mercatini dell'usato invece che buttarli a rifiuto,
    metto sempre i coperchi sulle pentole come Valeria, raccolto l'acqua piovana per innaffiare le piante in vaso, chiudo il rubinetto quando non serve mentre mi lavo i denti, non uso prodotti chimici in giardino, sfamo gli uccellini affamati, ecc. ecc. ecc., ma soprattutto spargo la voce!!!
    Ciao famiglia virtuosa, a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Ilaria mi piace essere VERDE, e mi piace anche essere BLU!, proprio come GAIA!
      Anche noi lavatrice e lavastoviglie solo di notte, e l'acqua aperta solo quando serve! quest'ultimo è un gesto che abbiamo fatto nostro anche grazie al periodo passato in barca, dove l'acqua era sempre razionata, e visto che per rifornici dovevamo andarla a prendere con delle taniche [una fatica che non ti dico!!!], tranne l'ultimo anno quando finalmente siamo stati al pontile!
      Sul nutrire gli uccellini d'inverno dobbiamo attrezzarci però!
      Spargere la voce e fare proseliti è il gesto più "Green" di tutti però!!!
      Ciao!!!

      Elimina
  4. Che super bravissimi!!!!!!!!!!!!
    Complimenti!!! Noi in parte facciamo come voi, ma non siamo cosi bravi! La casa non è in bioedilizia (abbiamo ristrutturato un vecchio magazzino recuperandone i muri portanti) e le nostre macchine non sono a metano!
    In compenso però stiamo installando i pannelli fotovoltaici se tutti i permessi si decidano ad arrivare!!! :-)
    Cmq anche noi ogni anno aderiamo alla campagna di Caterpillar!
    Baci Valeria!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Valentina la possibilità di costruire in bioedilizia è stata una fortuna! certo l'abbiamo scelta [anche sobbarcandoci un aggravio delle spese per la costruzione], però se non avessimo trovato questo posto credo che ora avremmo una casa costruita come tutte le altre. Le macchine a metano, oltre ad avere un impatto più basso sull'ambiente, pesano meno sul portafoglio! quasi il 70% in meno sulla spesa per il carburante, nel caso vi capiti di doverle cambiare fateci un pensierino.
      W Caterpillar!!!
      bacioni a voi!

      Elimina
  5. voi non siete verdi... di più!!!! e a leggere il tuo enorme elenco mi sento proprio una sprecona degenere... :-(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Francesca e dai!! non ti buttare giù, lo spirito lo avete e pian piano diventerete sempre più verdi anche voi, del resto con un marito che fa il forestale non potete proprio fare diversamente!

      Elimina
  6. Mamma mia, siete VERDISSIMI!!! :-)
    Io, a parte il compostaggio, le lampadine a basso consumo energetico e la produzione home made di biscotti, marmellate, scorze d'arancia candite ecc. ecc. non è che faccia poi molto di verde. Sto attenta ai consumi e, naturalmente, cerco anche di inquinare il meno possibile, ad esempio non eccedendo con l'uso di detersivi e saponi ma rispettando le dosi consigliate... ma sono verdolina, ecco, non certo ai tuoi livelli! Un abbraccio!

    P.S. L'hai letto questo? Se no, te lo consiglio vivamente ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Viviana già verdolini va benone! a me tu sembri molto verde!ehehe
      il libro di Affronte non l'ho letto, ma mi piacerebbe, di suo ho già "Il mare che non ti aspetti" e mi piace molto sia il suo spirito che come scrive.
      A proposito di libri, lo sai che ho cercato invano "La balena e la furia", na non si trovaaa! l'ho letto, ma era della biblioteca... continuerò a cercarlo.
      Bacioni

      Elimina
    2. Smetti pure di cercare: quel libro, come tutti quelli di Farley Mowat del resto, sono assolutamente introvabili. E' uno di quei tristissimi casi di autori dimenticati che nessuno pubblica più... almeno fino al momento della loro dipartita, quando, di colpo, il mondo dell'editoria si accorge che "però, accipicchia, ha scritto un sacco di cose interessanti questo tizio!" e allora se ne esce con una monografia rilegata in pelle umana e dal costo esorbitante.
      Squallido, triste, deprimente, ma è così, pare, che funziona.
      (Personalmente, auguro a Mowat di campare altri cent'anni, alla faccia degli editori, tiè!)

      Elimina
    3. @ Viviana che tristezza!!! e allora non resta che spulciare le bancarelle che vendono libri nei mercatini delle pulci... magari qualche sciocco se ne è disfatto senza sapere cosa dava via!

      Elimina
  7. eh, come si fa a competere con voi!
    noi di verde abbiamo solo lampadine a basso consumo, lavastoviglie collegata direttamente sull'acqua calda, finitura atossica (con materiali naturali) del parquet, non abbiamo nè macchina nè motorini... e basta. compostavamo i rifiuti organici ma poi le larve hanno preso il sopravvento su di noi e non avendo un giardino abbiamo desistito. la raccolta differenziata, ahimè, qui non si fa ancora. ho provato a conservarmi l'immondizia differenziata e a portarla, passeggiando un pò, nei cassonetti appositi. ma sono troppo distanti da casa e non sono riuscita ad inserire anche questo nel mio menage.... brutta cosa, lo so!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Serena ognuno di noi a modo suo e nei limiti delle sue possibilità cerca di fare qualcosa, e bisogna anche dire che le istituzioni dovrebbero, non solo essere quelle che danno il buon esempio [cosa che in questo paese sembra un sogno irragiungibile!], ma quelle che ti mettono in condizioni di avere dei comportamenti "verdi"! e Napoli, putroppo, è una città difficile da gestire, anche perché gran parte della sua popolazione è affetta da un fatalismo e da una sorta di rassegnazione che non li fa reagire, questo l'hai letto? a me ha fatto tanta tristezza.
      Tu, nelle tue passeggiate alla ricerca del cassonetto, sei stata già bravissima, ma se non ti danno gli strumenti e le opportunità come fai? sai che qui chi ha il cassonetto della spazzatura più lontano di 500 m da casa paga meno tasse dei rifiuti? Non è che possiamo fare tutto da soli!

      Elimina
    2. si l'avevo letto! e a lui sono bastati solo 3 giorni fuori x restare sotto shock! io ricordo il mio di shock quando sono tornata dopo l'anno in spagna!!
      riguardo alle tasse sulla spazzatura....io non ho parole, lo sai che a napoli paghiamo la tarsu più alta d'italia????

      Elimina
    3. @ Serena e certo!!! vi fanno pagare le multe che gli fanno perché hanno delle percentuali ridicole di differenziazione! non vorrai mica che le paghino loro... giammai!!! comunque anche qui fanno i furbetti eh,nelle zone a poca densità abitativa mettono un bidone dell'indifferenziata ogni poco, in modo che non si possa dire di averli lontano da casa, quindi alla fine tutto il mondo è paese, o forse questo vale per l'Italia in particolare, dove "fare fesso il prossimo" sembra una cosa che fa parte del corredo genetico!

      Elimina
  8. ...poco, o meglo...quello che posso:
    niente macchina, non butto mai il pane vecchio, cerco di non buttare nessun altro cibo ma di riciclarlo, faccio la differenziata anche se qui non serve a niente, spengo le luci sempre, lampadine a basso consumo (quasi tutte, purtroppo nei lumi antichi alcune non si possono sostituire), niente lavastoviglie (ma in verità perché non la amo), cerco di non consumare tanta acqua, uso l'aceto come anticalcare (quando posso), uso il riscaldamento q.b., non uso mai lo schampoo a mare, fumo ma mai più le cicche a terra e nemmeno le carte (lo so...questa è solo buona educazione...non c'entra con l'essere verdi ma mi sto sforzando di trovare cose positive, mi sembrano davvero poche quelle che faccio...sob!)...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Mariella, stesso discorso fatto con Serena: dove vivete voi è molto più difficile "essere VERDi" dal momento che chi di dovere non vi mette in condizione di farlo. Se posso, ho due cose da sottolineare: lo sai che con le lavastoviglie nuove si consuma molto meno acqua che lavando i piatti a mano? non credo che questo ti spingerà a comprarne una per molti motivi che posso immaginare, però è così; e poi, ma chi è che fa lo shampo a mare?? forse ti riferisci a chi lo fa sulle barche?
      Ah! purtroppo la questione cicche/carte a terra, per non parlare dei chewingum, è un'idea ancora non chiara nella mente di molti, perciò io le metterei nelle azioni verdi, oltre che di buon senso civico. E poi, intanto già il pensare cosa si può fare per l'ambiente e cercare di metterlo in pratica mi sembra un buon inizio!
      baciuzzi

      Elimina

Che ne pensi? e dai!!! lasciami un commento...