venerdì 28 marzo 2014

* il mare in casa nostra <•|–/–/–/–< [UNO]

Nel sito della Filibusta, la nostra "barca-casa" per 6 anni, avevamo - e abbiamo tutt'ora - una raccolta di citazioni che hanno per argomento il mare. Da sempre le raccolgo in un quaderno, e le più belle sono anche lì. 
Il mare con la sua vita segreta sotto la superficie, è un entità viva, pulsante, che ti rapisce per sempre. Così è per me. E adesso che viviamo in campagna e che il mare non lo vedo dalla mia finestra - o dal mio oblò - quando mi sveglio al mattino, ne sento la mancanza. Però in casa nostra il mare C'E'. Spunta ovunque ci si giri. Così ho pensato di mostrarvi la SUA presenza accompagnando le foto con alcune delle citazioni di cui parlavo prima.

"...io cerco una casa sul mare. Ma dico proprio SUL. Non vicino a, nei pressi di, davanti a, prospicente, affacciante, adiacente. E neanche a picco. Le case a picco hanno una loro assenza, un loro dolente "mai più". E il mare, dalle finestre di queste case, diventa una specie di cartoncino azzurro opaco uniforme, steso lì davanti agli occhi, inerte. Cosa me ne faccio di un pezzo di carta? Quello è un mare che non canta, non muove, non ride tra gli scogli, non sommerge, subbuglia, frastorna. Non dice niente..."

Paola Mastrocola "Palline di pane"




Questi bellissimi pesci, regalatimi dalla mia mamma, sono opera dell'artista ceramista Carmine Sorrentino, che ha la sua bottega in via Dogana Vecchia, nel centro storico di Salerno.

martedì 25 marzo 2014

* Maggio al Poggio per Serena

Come accennato in questo post, il 4 maggio prossimo durante il "Maggio al Poggio" saranno ospitati due progetti di solidarietà. 
Oggi vi parlerò di quello dedicato alla memoria di Serena.
Serena aveva un blog, Sweet MomeEnt e, a soli 23 anni, nel giugno dello scorso anno se n'è andata a causa di una malattia congenita.
Scorrendo le pagine del suo blog si rimane colpiti dalla sua dolcezza, i suoi sogni, la sua sofferenza e le sue paure, lo scoramento e la speranza mai abbandonata, e la sua capacità grandissima di dispensare amore.
Durante un viaggio fatto a Skutari, in Albania, nel 2012 Serena aveva conosciuto e si era affezionata in modo particolare a due bambini, Claudio e Kristian, con lei in queste foto.


Riporto le parole di Daniela, l'organizzatrice del "Maggio al Poggio", che ha ben illustrato la storia dell'incontro di Serena con i due bambini:
"[...] Era rimasta colpita dal fatto che questi bimbi, pur piccoli, accudissero i fratellini ancor più piccoli mentre i genitori erano fuori tutto il giorno per un qualche tipo di lavoro. Era rimasta turbata dall'estrema povertà della loro vita e delle loro case, dove animali ed umani convivevano senza distinzione di spazi. E per 'animali' non intendo cani o gatti, ma la scrofa destinata, una volta cresciuta, alla loro tavola! Proprio per assistere i fratellini, per questi bimbi era spessissimo impossibile frequentare regolarmente la scuola, privandosi quindi a priori di qualsiasi possibilità di riscatto dalla loro situazione di miseria senza speranza. [...]"

Già dallo scorso agosto, Daniela, colpita da Serena e dalla sua storia, aveva cominciato a pensare a qualcosa che potesse onorarne la memoria e, parlandone con i suoi familiari, è nata l'idea di sostenere a distanza questi due bambini a cui lei tanto teneva: aiutando le loro famiglie i ragazzi potranno seguire regolarmente gli studi, gli si potrà inoltre fornire gli strumenti minimi ed essenziali come libri, quaderni, penne.
La famiglia di Serena già lo scorso autunno ha potuto inviare del denaro alla famiglia di Claudio, quella che versava in condizioni peggiori.
In occasione del "Maggio al Poggio" si darà seguito al cammino da loro intrapreso, che è lungo, come si può ben immaginare.

L'idea è questa.

Chiunque vorrà contribuire potrà farlo in due modi:

- portare una propria creazione a Maggio al Poggio, dove verrà messa in vendita ed il ricavato interamente devoluto a questo progetto.
Chi non potrà intervenire al Poggio, volendo, potrà spedire direttamente lì le sue creazioni.
Le "Maggioline espositrici" si sono dette tutte felici e prontissime ad aderire, e quindi nella raccolta in memoria di Serena sarà anche possibile acquistare loro creazioni, e gli oggetti broc di Daniela!
- se non si è creative, si potrà comunque acquistare quanto proposto dalle altre, e contribuire ugualmente e concretamente al progetto!

A Maggio al Poggio verrà allestito un tavolo che ospiterà tutti gli oggetti donati per Serena, e a questo tavolo ci saranno proprio i genitori e la sorella di Serena!! L'eventuale invenduto costituirà la base per il proseguimento del progetto, un blog sarà dedicato a questa raccolta.

:o)

martedì 18 marzo 2014

* mai troppo a lungo lontani dal mare

Nata DIFRONTE al mare, cresciuta SUL mare, vissuta NEL mare, e come si fa a starne lontana a lungo? impossibile! è un'esigenza fisica e mentale.
Primi solicchi, primi calducci e si torna a passare le giornate in riva all'elemento principe della vita, a guardare l'orizzonte che dà un senso di respiro più ampio, a scaldare le ossa infreddolite dall'inverno, a respirare lo iodio che dà la carica.

Gli ultimi due fine settimana ci hanno regalato delle belle giornate calde e ne abbiamo approfittato.

Siamo stati in due posti molto diversi, il primo sabato siamo andati poco a sud di Livorno, lungo la costa rocciosa famosa per posti come Calafuria  e il Castello Sonnino, in una bella baia riparata dal vento di terra proprio sotto il Castello, la Cala del leone, a cui si accede da un sentiero tra lecci e pini marittimi che termina in una serie di scalini tagliati nelle rocce.


Lungo il sentiero si incontrano anche belle piante spontanee, come questo minuscolo Gigaro (Arisarum vulgare), appartenente alla famiglia delle Araceae, la stessa delle più conosciute Calle.


Ed ecco la spiaggia


tanti sassolini, da tirare nell'acqua cristallina con una cugina-amica a cui vogliamo molto bene e che purtroppo vediamo poco...


e sole abbastanza caldo da poter stare finalmente a piedi nudi


Il secondo sabato siamo andati ancora più a sud, verso Cecina, a Marina di Bibbona, dove l'ampia spiaggia di sabbia fine è protetta alle spalle dalle dune, dalle pinete e dalla macchia mediterranea.
Questa seconda volta il vento quasi assente ci ha permesso di godere appieno del sole e del suo tepore.


Tra giochi


incontri con piccoli scarabei


disegni lungo la battigia che funzionava come una lavagna magica


discorsi molto seri tra padre e figlia


e classicissimi, ma immancabili, castelli di sabbia, abbiamo passato una bellissima e riposante giornata.

:o)

venerdì 14 marzo 2014

* Maggio al Poggio - 4 maggio 2013


L'8 settembre di due anni fa ho avuto la fortuna di partecipare alla "Ficata", una bellissima giornata passata sul Poggio della Salvia, e di conoscere la padrona di casa, la vulcanica Daniela Verdesalvia, frizzante regina del brocante. In quell'occasione ho incontrato tante persone belle e simpatiche, ho mangiato e chiacchierato in allegria, insieme al Capitano e alla Gnoma.
Quest'anno avrò di nuovo l'occasione di passare una giornata tra gli olivi del Poggio per un evento diverso ideato e organizzato da Dani - l'ho detto che è vulcanica, no?


Parteciperanno, me compresa, 45 espositrici, artigiane e creative di tutti i generi, un po' shabby un po' no, ci si potrà portare il proprio cestino per il pranzo o gustare le golosità salate e dolci di cuoche provette, anche loro tra le espositrici.

Maggio al Poggio ospita inoltre due progetti di sostegno e aiuto: uno è Cuore di Maglia, una onlus che si occupa, attraverso le sue consociate, di confezionare minuscoli capi da abbigliamento per i bimbi nati con alta prematurità;  l'altro è il sostegno di un'adozione a distanza due bimbi di Skutari tramite la raccolta di oggetti di creatività, da mettersi in vendita, ma di questo in particolare vi darò maggiori dettagli in un altro post tra qualche giorno, merita un ulteriore approfondimento poiché legato alla storia di una dolcissima ragazza di nome Serena, che non è più con noi, ma di cui potete conoscere la storia nel sul blog Sweet MomEnt.

Nel blog e sulla pagina Facebook dedicati all'evento, e aggiornati giorno per giorno, potrete scoprire chi partecipa e cosa propone, come arrivare al Poggio e quant'altro c'è da sapere.

Io mi sto preparando...


con i miei gioielli verDi&bLu




... e speriamo che me la cavo!

:o)

domenica 9 marzo 2014

giovedì 6 marzo 2014

* il Drago!!

Finalmente, dopo essermi ripresa dalla mia prima e più brutta influenza gastro-intestinale di tutti i (miei) tempi, che mi ha costretta addirittura a mettermi a letto (quando mai era successo??? nemmeno mi ricordo più l'ultima volta), riesco a farvi vedere il risultato finale del costume da Drago della Gnoma di cui ho già raccontato la nascita... certo che una Gnoma travestita da Drago suona bene, eh? 
Le foto sono state scattate il giorno prima della mia rovinosa caduta... nel letto! giusto in tempo perché lei potesse mettere l'agognato costume, dal momento che c'é stata una festa di compleanno, ma senza maschere, perché "ti immagini a pulire poi??!!!?? noooo", della serie "l'aspirapolvere questa sconosciuta", e alla scuola materna mi sarei meravigliata se ne avessero organizzata una, vista l'inerzia che regna sovrana tra le insegnanti.
Per fortuna abbiamo potuto approfittare della bella giornata di domenica e siamo andati a Marina di Pisa, dove il lungomare chiuso al traffico ha permesso alla Gnoma-Drago di divertirsi a fare "Fihsssh"  - tipico verso degli Gnomi-Drago - agli attoniti passanti. 
E ora basta chiacchiere, ecco le foto.








E si sa, quando si va in giro con i nonni ogni desiderio è esaudito: il palloncino...



e per finire, potevamo negare alla Gnoma_Drago un gelato cioccolato e panna???

:o)