venerdì 22 marzo 2013

* dal mare... Paikea la balena maori

Vi capita mai di mettere insieme cose che apparentemente non c'entrano nulla una con l'altra? a me spesso...
Voli pindarici del pensiero che rimbalza da un lato all'altro della mente formando un puzzle fatto di pezzi che sembrano sconnessi uni dagli altri, ma non lo sono. 
Questo è quello che è successo quando ha preso vita Paikea - la balena maori.
Ma andiamo con ordine.

Primo pezzo del puzzle:
ho letto e amato due libri: "Le vie dei canti" di Chatwin e "...e venne chiamata Due Cuori" di Marlo Morgan (libro che tra l'altro ha un enorme significato per me e il Capitano, un po' come la canzone dei The The di cui vi ho parlato qui);

secondo pezzo del puzzle:
il film Neozelandese "La ragazza delle balene", che Niki Caro ha tratto dal romanzo di Witi Ihimaera ispirato da una leggenda maori;

terzo pezzo del puzzle:
le nostre passeggiate invernali sulla spiaggia, durante le quali faccio incetta di legni e rametti sbiancati e consumati da mare, vento, sole, slasedine - nella casa dove abitavo prima avevo un bellissimo ed enorme mobile che avevo fatto con questi legni e conchiglie e scheletri di ricci di mare... con pazienza sto raccogliendo il necessario per rifarne uno da appendere qui;

quarto pezzo del puzzle:
in rete mi sono imbattuta in moltissime versoni dipinte di questi rametti - eccone qualche esempio:

Ginette Lapalme


 

Molly Anne

Jessica Turnbow - Bonjour Frenchie
Il puzzle finito ha dato vita a Paikea - la balena maori, che penzola tranquilla dalle scale che vanno in mansarda.




:o)

edit del 23 marzo: la coda di Paikea, sembra quella di un pesce, in realtà è orizzontale, come si addice ad ogni cetaceo!!

16 commenti:

  1. E' bellissima Valeria, davvero non trovo altre parole per esprimere un apprezzamento diverso!
    Brava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Verdiana questa cosa di dipingere i legnetti, secondo me, è anche un bel gioco da fare con le piccole... grazie!

      Elimina
  2. Che forte, è troppo bella la balena maori!!!!
    E sei stata bravissima a raccontare il tuo puzzle mentale!
    Ciao gente, buon weekend a tutti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Ilaria le associazioni di idee sono un motore per la creatività!
      buona settimana!

      Elimina
  3. Pikea la balena maori mi piace molto! Per altri dei bastoncini fotografati, invece, ho pensato: "Che bello, questo sarebbe perfetto per fare dei guntig!"... che dire? Sono una malata cronica di arti marziali e JKD Kali... XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Viviana ehm... che sono i guntig? tu sei una malata cronica di arti marziali, e io una ignorante perfetta!

      Elimina
    2. Ma no Vale, è che sono andata sullo specifico... I guntig sono dei colpi che vengono tirati in specifici punti energetici o all'intersezione di muscoli per indebolire la forza dell'aggressore; a mani nude si possono utilizzare le nocche delle dita, ad esempio, per colpire il bicipite o la muscolatura della spalla dell'aggressore ed indebolirne la forza d'urto. I praticanti di Kali utilizzano bastoni e coltelli, quindi i guntig sarebbero colpi o tagli inferti alla parte con queste armi. Ma, sulla corta distanza, invece che a mani nude con un bastoncino da difesa così trendy e colorato verrebbe molto meglio! ;-)

      Elimina
  4. anche io ho visto i legni dipinti su pinterest e me ne sono innamorata... e pensare che nella spiaggia dove siamo sempre andati (e dove non andremo quest'anno... sob!!) ce ne sono montagne e - benchè mi siano sempre piaciuti - non ho mai pensato a prenderli!!!
    non so come ma la prossima estate dovrò procurarmeli...
    e - detto per inciso - la balena maori è una genialata!! :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ francesca io mi auguro che tu riesca ad andarci al mare, ma comunque la prossima volta che mi capita di andare in spiaggia, se non l'avranno già pulita, ne prendo un po' anche per te! :o) già immagino nelle tue mani come verranno belli!

      Elimina
  5. Risposte
    1. @ mariella se il mare non va da valeria, valeria si porta il mare a casa...

      Elimina
  6. eh eh, un'altra passione comune! ne stavo conservando in garage per poter fare una cosa che da tempo mi frulla in testa. legnetto dopo legnetto avevo quasi finito di riempire un sacco condominiale. quando sono andata a prenderne qualcuno.....aaaahhh....erano stati attaccati dai tarli!!! così.... via tutti in un sol colpo! dovrò ricominciare piano piano...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ barbara io di solito li "tratto" con l'antitarlo tenendoli chiusi in un sacchetto di plastica di quelli per congelare i cibi, proprio come si fa con i mobili, anche perché tarli in casa nostra è meglio che non ne entrino!!!

      Elimina
  7. intanto...bellissima la balena! poi grazie mille per lo spunto! infine...bellissimo l'effetto dello spago, effettivamente ci starebbe proprio bene, spero di riuscire a farlo...eventualmente ti chiederò lumi! o magari ti chiedo direttamente di fare un tutorial! ;-) grazie ancora!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Shaula certo che potrebbe essere un'idea; è un nodo veramente sciocco da fare una volta visto come si fa - almeno per una crafter come te!!! - però nn è così scontato che lo si conosca.
      Appena c'è una giornata di sole faccio il tutorial :o) grazie pre lo spunto!

      Elimina
    2. bene! allora mi metto qui comoda e aspetto il tutorial..yuppi!

      Elimina

Che ne pensi? e dai!!! lasciami un commento...