lunedì 8 ottobre 2012

* nellla nostra cucina - torta pangrattato e uva



Questa torta nasce con le ciliege, ed è una torta che in primavera faccio spesso, ma in autunno mi capita di farla anche con l'uva.
E' un'altra delle ricette della mia nonna materna, infatti mi ricorda lei [la versione originale con le ciliege] e, chissà perché, mi fa pensare soprattutto a mio nonno.


Per una tortiera di 24 cm di diametro (8 porzioni circa) ecco cosa vi servirà:

500 gr di uva bianca e/o rossa, da tavola [ciliege se volete farla in primavera]
2 uova
80 gr di pangrattato
100 gr di zucchero
mezzo cucchiaino di cannella
scorza di 1 limone grattugiata
1 pizzico di sale
un piccolo pezzo di burro
poca farina per la teglia

Con molta molta pazienza taglio in due gli acini d'uva, cercando di non dividerli del tutto, e elimino i nocciolini.
In una piccola padella antiaderente rosolo 40 gr di pangrattato con poco burro, in modo che imbiondisca.
Monto i rossi delle uova con lo zucchero fino a farli diventare bianchi e spumosi, poi aggiungo i 40 gr di pangrattato rosolati nel burro, i restanti 40 gr di pangrattato, la scorza del limone grattugiata, la cannella, il pizzico di sale e mescolo bene. A parte monto a neve i bianchi delle uova e li unisco al resto del composto piano piano, cercando di non farli smontare.
Verso questo impasto cremoso in una tortiera imburrata e infarinata e lo livello con una spatolina, poi formando dei cerchi concentrici sistemo gli acini d'uva precedentemente snocciolati. Usando uva bianca e rossa l'effetto cromatico è più bello.


Nel frattempo riscaldo il forno a 170°/180° e la cuocio per circa 30 minuti [nel forno ventilato anche meno, circa 20 minuti].
La lascio raffreddare e poi la servo nella stessa tortiera che uso per cuocerla, perché essendo abbastanza umida non si stacca facilmente;  naturalmente si può tentare di ovviare a questo inconveniente usando la carta forno, ma non vi garantisco che si staccherà nemmeno da quella!

E se vi capiterà di ricordarvene, la prossima primavera provate a farla con le ciliege [snocciolate, ovvio!], perché con l'uva è buona, ma con le ciliege è squisita!

9 commenti:

  1. E questa la provo, altroché!
    :)

    RispondiElimina
  2. mmmmm!!!!!!!!!!!!!!!!1la proverò prestissimo!!!!!!! qui siamo ghiotti sia di uva che di ciliege!!!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Valentina quella con le ciliege è una ricetta storica di casa nostra, anche se questa versione con l'uva non è quella originale merita di essere provata.
      Sono incuriosita dai tuoi esperimenti per sostituire lo zucchero bianco, che vorrei eliminare del tutto anche io... chissà come verrebbe questa con un dolcificante alternativo.

      Elimina
  3. Risposte
    1. @ barbara non mi dire che il forno è arrivato in anticipo!!!!

      Elimina
    2. Ma quando mai!!Però in barca, adesso che è più fresco, lo posso accendere mentre il capitano lavora fuori...credo sarà un ottima pausa..ti farò sapere ;)

      Elimina
  4. Mmmm... la voglio provare sia con l'uva che con le ciliege!
    :-))

    RispondiElimina

Che ne pensi? e dai!!! lasciami un commento...