lunedì 28 maggio 2012

* nella nostra cucina - polpette di cavolfiore

Ci risiamo col cavolfiore, ve l'ho detto che ci piace, no?
L'ultimo della stagione meritava però un piatto goloso, e anche stavolta mi è venuto in soccorso Martino Ragusa con le sue ricette pubblicate sul Giornale del Cibo.

Uno strappo al regime di semi dieta che mi sono imposta. Ogni tanto una coccola alimentare ci vuole, per essere più ligi negli altri giorni.

Ecco cosa serve per 4 persone:

300 gr di cavolfiore già pulito 
1 uovo per l'impasto 
1 uovo per impanare 
50 g di parmigiano 
50 g di pangrattato per l'impasto,  più un altro po' per impanare
un ciuffetto di prezzemolo (mia aggiunta alla ricetta originale)
1 spicchio di aglio 
Olio di oliva 
Pepe 
Sale

Io ho omesso il pepe, e l'aglio, che Martino dice di tritare finemente, l'ho lasciato a pezzi grossi nell'impasto per tutto il tempo del riposo, poi l'ho tolto, in modo che rilasciasse il suo aroma senza rendere difficili da digerire queste polpettine.

Ho cotto al vapore il cavolfiore e poi l'ho schiacciato con una forchetta, riducendolo ad una pappetta. L'ho messo in una ciotola e ho aggiunto l'uovo, il parmigiano, il pangrattato, il prezzemolo tritato, l'aglio a grossi pezzi e il sale. Dopo aver amalgamato tutto ho lasciato riposare l'impasto per  un'ora.
Poi ho formato delle palline grandi quando una grossa noce e le ho un po' schiacciate, le ho passate nell'uovo sbattuto e poi nel pangrattato, facendo attenzione perché l'impasto risulta delicato e un po' appiccicoso: di solito uso un piatto piano con un foglio di carta da cucina su cui faccio cadere il pangrattato, sollevando i lembi della carta riesco a far scivolare il pangrattato sulle polpettine senza romperle e soprattutto senza lasciare nulla attaccato sul piatto.



Le ho lasciate riposare ancora una mezz'ora e poi le ho fritte in olio di oliva bollente.
Le ho scolate e le ho servite calde, buonissime e molto gradite anche dalla gnometta.

Martino suggerisce anche delle varianti: le polpette possono essere fritte senza impanatura o possono essere infarinate.

:o)

8 commenti:

  1. Non sono manco le 7 di mattina ma io me ne mangerei tranquillamente 5/6 :D

    RispondiElimina
  2. peccato che non ho più cavoli. rimando alla prossima stagione.
    ps Vleria, sono 312.thea, ho scisso la mia parte verde da quella blù :)

    RispondiElimina
  3. certo...in qualsiasi momenti della giornata!!!

    RispondiElimina
  4. davvero hai ancora un cavolfiore?!? noi ormai siamo a verdure estive... questa ricetta me la segno per l'inverno, tu tirane fuori un'altra con le zucchine!! :-)

    RispondiElimina
  5. Vabbè, giusto che siete voi, assaggio! :D

    RispondiElimina
  6. Anch'io mi accodo a chi si segna la ricettina per l'inverno: ormai mi sono lanciata in un furore estivo di insalatone e peperonate! :-)

    RispondiElimina
  7. @ TUTTI scusatemi... sono imperdonabile per questo ritardo nel rispondervi...
    in questo periodo non sarò molto presente, poi capirete perché.

    Questo Cavolfiore era davvero l'ultimissimo naturalmente, e presto, vedrete, arriveranno le ricette con le verdure estive!!!
    un abbraccio a tutti voi!

    RispondiElimina

Che ne pensi? e dai!!! lasciami un commento...