giovedì 2 febbraio 2012

* 1° febbraio

Ieri mattina ci siamo svegliati così

Ha cominciato a nevicare la sera prima e verso la mezzanotte è andata via la corrente, che non è ritornata fino a 12 ore dopo. Freezer pieno e riscaldamento che non andava. Per fortuna la casa ha una superba coibentazione, e la temperatura interna si è mantenuta sui 18°.
Appena tornata la corrente ci siamo accorti che la pompa di calore del geotermico che fa funzionare il riscaldamento non andava. Abbiamo chiamato il tecnico, che (santo!!!) è venuto dopo pranzo ed ha riparato il guasto, e ce la siamo cavata con poca spesa anche se poteva essere una mazzata, ma vi risparmio i particolari (il tecnico è doppiamente santo!).
Poi è andata via l'acqua, che non è tornata prima delle 23:30...
Insomma la neve ha creato un sacco di guasti e disagi, ma tutto si è risolto per il meglio, tra l'altro mancando del tutto l'acqua l'abbiamo sciolta e usata per preparare la cena e lavarci.
Inutile dire quanto si è divertita la gnoma 
e che spettacolo è la natura quando si copre di bianco
il limone
il rosmarino
la camelia
il povero piccolo ulivo piegato in due
il cactus

:o)

E ora un "off topic": approfitto dell'argomento "neve" per segnalarvi che c'è bisogno di una mano per impedire che lo stadio del ghiaccio di Casate chiuda. Viviana spiega benissimo tutta la triste vicenda nel suo blog; qui c'è un articolo di un quotidiano on line che ne ha parlato e invece qui è possibile votare a un sondaggio per aiutare chi si sta battendo perché ciò non avvenga. Io l'ho già fatto. 
:o(

10 commenti:

  1. Ma guarda quella gnometta come si diverte!!! E' la prima volta che vede la neve? Abitate in un posto magnifico... se passate per l'Abruzzo vi aspetto tra le mie montagne! :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Sarah, non era la prima volta, quella è stata nel dicembre 2010, quando la casa era ancora da finire. C'era stata una nevicata eccezionale, non ti dico che effetto strano vedere la neve accumularsi sul ponte della barca (ti metto il link al post che scrissi a proposito nel vecchio blog), ma credo che non se lo ricordasse, aveva solo 16 mesi e camminava da solo 2.
      In Abruzzo dove? sai da quanti anni vorrei venire a visitare il parco nazionale? Magari!!!

      Elimina
  2. che bello! peccato x i dasigi ma deve essere stato emozioante!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Sere si, è molto suggestivo, anche se ogni volta tutto va in tilt. Pare che le nevicate degli ultimi due anni siano state eventi eccezionali anche per la gente del posto.

      Elimina
  3. Sono sicuro che il divertimento della gnoma ha annullato gli effetti dei fastidi che avete subito ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Baol si è divertita, e continua a farlo, sfidando le temperature bassissime come solo i bambini sanno farlo! Lei starebbe sempre fuori, io dopo un po' capitolo, anche perché non c'è sole. La neve è bella da vedere, ma io preferisco il caldo marino, anche se devo ammettere che se non ci fosse stata tutta questa neve intorno a casa non so come avremmo fatto quando è andata via l'acqua di nuovo ieri mattina!
      Per cui ringrazio sempre madre natura!

      Elimina
  4. Geotermico? Interessante! Costi molto alti di impianto??? Abbiamo un amico in Svizzera che si trova benissimo col geotermico. Mi ricordo l'incubo, sul Lago maggiore, quando nevicava saltava la luce. Niente elettricità niente riscaldamento... Se mai tornerò in un posto dove nevica avrò il sistema di riscaldamento multiplo. Vorrò anche una stufa in maiolica.... di quelle di una volta, che non essendo tecnologiche andavano semplicemente a legna!

    Belle foto ragazzi! Qui io muoio dal caldo, mi è venuta nostalgia delle passeggiate nel bosco, con la neve e il cane Orlando, il nostro Corso che era nero come il carbone!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Niki si geotermico, e ne siamo molto contenti, però non è del tutto indipendente dalla corrente elettrica, perché la pompa di calore che fa funzionare l'impianto ne ha bisogno, pur avendo un contatore tutto suo con consumi e tariffe ridotte. Per cui anche per noi vale "niente elettricità, niente riscaldamento", la differenza la fa la casa in bioedilizia che ha una dispersione termica bassissima.
      Peccato non ci abbiano fatto mettere i pannelli fotovoltaici, perché avremmo risparmiato ancora di più sulle bollette! Una stufa a legna o un camino risolvono però tutti i problemi derivati dai black out!
      Anche io amo le passeggiate nei boschi, però le preferisco senza neve, non sono un'amante del freddo... brrrr

      Elimina
  5. Vale, che bella la neve e che belle le foto!!! Lo so, lo so, mi spiace per tutti i disagi che avete dovuto subire, ma sono contenta che tutto si sia risolto per il meglio e che la splendida Gnometta abbia potuto divertirsi in mezzo a tutto quel candore! E poi le brave persone sono destinate ad incontrarsi: voi, che siete splendidi, avete incontrato un santo-tecnico-di-caldaie… :-)
    Grazie mille anche per aver diffuso l'appello per il palaghiaccio di Casate, sei davvero un tesoro grande! Un bacione! :-*

    RispondiElimina

Che ne pensi? e dai!!! lasciami un commento...