venerdì 1 gennaio 2016

* I libri letti nel 2015

BUON 2016 a tutti!

Anno nuovo e nuovo elenco - consuntivo - dei libri letti durante l'anno che si è appena concluso. Contandoli sono circa 10 in meno del 2014, ma in verità mancano due titoli, che ometto perché troppo stupidi, me li sono ritrovati nel Kindle e non so proprio come ci siano arrivati, io di certo non li ho comprati, mistero! 
Quest'anno mi sono appassionata ad una autrice inglese Jojo Moyes, scrive storie romantiche ma con trame molto originali.
Ho trovato piacevole e originale anche Katherine Panacol, mi è piaciuto l'insegnamento di Piero Ferrucci ne "La forza della gentilezza" e, come sempre Licalzi; fra tutti, dovendo scegliere quello che più ho apprezzato direi sicuramente "Vita", di Melania Mazzucco, ma nel 2015 nessuna folgorazione...
Eccoli
  • Il mistero degli studi Kellerman - Ken Follett
  • Il privilegio di essere un guru - Lorenzo Licalzi
  • Una stanza tutta per gli altri - Alicia Gimènez-Bartlett
  • All'improvviso l'estate - Elin Hilderbrand
  • Il caso Kakoiannis-Sforza - Francesco Recami
  • Io prima di te - Jojo Moyes
  • Versilia Rock City - Fabio Genovesi
  • L'ultima lettera d'amore - Jojo Moyes
  • Elefanti in giardino - Kuki Gallmann
  • Tutti primi sul traguardo del mio cuore - Fabio Genovesi
  • A volte ritorno - John Niven
  • La casa delle sorelle - Charlotte Link
  • Una più uno - Jojo Moyes
  • Le mani insanguinate - Maurizio De Giovanni
  • Avrò cura di te - Chiara Gamberale, Massimo Gramellini
  • La ruga del cretino - Andrea Vitali, Massimo Picozzi
  • La principessa di ghiaccio - Camilla Lackberg
  • Silver bay - Jojo Moyes
  • Memorie di un vecchio giardiniere - Reginald Arkell
  • In fondo al tuo cuore : Inferno per il commissario Ricciardi - Maurizio de Giovanni
  • Gli occhi gialli dei coccodrilli - Katherine Pancol
  • Il valzer lento delle tartarughe - Katherine Pancol
  • Gli scoiattoli di Central Park sono tristi il lunedì - Katherine Pancol
  • Trent'anni e li dimostro - Amabile Giusti
  • Gli sfiorati - Sandro Veronesi
  • Il predicatore - Camilla Läckberg
  • Vita - Melania Mazzucco
  • Open - Andre Agassi
  • Una mutevole verità - Gianrico Carofiglio
  • I baci non sono mai troppi - Raquel Martos
  • Il caso Bellwether - Benjamin Wood
  • Innamorarsi in un giorno di pioggia - Jojo Moyes
  • La fabbrica delle peonie - Emilia Vigliar
  • Una casa - Antonella Moscati
  • La figlia di - Elisa Fuksas
  • La bambina che salvava i libri - Markus Zisak
  • Il miniaturista - Jessie Burton
  • La forza della gentilezza - Piero Ferrucci
  • Il Cardellino - Donna Tartt
  • Tempi glaciali - Fred Vargas
  • Stoner - John Williams
I libri letti nel 2011, nel 2012, nel 2013, nel 2014.

4 commenti:

  1. Caspita Vale, ma sei una vera divoratrice di libri: che bello!! Sai che Vita di Mazzucco c'è l ho da tanti lì sulla libreria ma non mi deciudo mnai a leggerlo, non so perché. C e sempre qualche altro titolo che mi distoglie. Lo stesso è accaduto per un libro che ho tenuto fermo per ben 8 anni, poi quando l ho letto mi sono detta: ma perché ho aspettato tanto?! Si tratta di "Se piango picchiami", di Francesco Costa. A parte la difficoltà di leggere alcuni dialoghi in napoletano stretto è veramente carino e divertente. Poi questi anno( anzi quello appena passato) anche a me non ha entusiasmato niente in particolare. Nemmeno il bestseller del momento, La ragazza del treno. Scontato e abbastanza deludente. Speriamo nelle nuove letture!!
    Buon anno, tanti baci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I best seller sono spesso delle delusioni... io preferisco scovare gli autori per caso, magari dietro suggerimento di qualcuno... infatti ora mi segno quello di Costa!!!
      Vita mi è piaciuto molto perché racconta una parte di storia italiana che conosco poco: l'emigrazione massiccia in America ai primi del Novecento e la vita che gli italiani facevano una volta arrivati lì. La Mazzucco parte da due persone della sua famiglia emigrate da bambini... c'è un pezzo con una serie lunghissima di nomi scaturita dalle sue ricerche che inficia la bellezza del romanzo, perché eccessivamente lunga, difficilissima da seguire per il lettore che, ovviamente è fuori della storia della famiglia Mazzucco e degli abitanti del loro paese d'origine, e francamente poteva essere evitata, ma complessivamente mi è piaciuto molto.
      Buon anno e buone letture allora!!!

      Elimina
  2. Leggo la tua lista...e ripenso a quello che ero, quando da ragazzo ne divoravo fino a tre in una settimana in certi periodi dell'anno.
    Troppi, e mi vergogno se ci ripenso.
    Mi vergogno perchè quest'anno ne ho letti pochissimi...troppo pochi per essere anche solo contati.
    Alla sera non riesco più per la stanchezza, e durante il giorno manca il tempo.
    Ti faccio i miei complimenti.
    Ciao
    A.A.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie caro A.A.! mi fa strano sentirti dire "quando ero ragazzo", dal momento che sono quasi certa che tu sia più giovane di me!
      Capisco benissimo che le tue giornate ti tolgano tempo e forze, sono piene e intense, sicuramente molto più pesanti delle mie che pure faccio moltissime cose; riesco a leggere circa per una mezz'ora prima di dormire, a volte anche molto meno, ma sono velocissima nella lettura, quasi vorace, forse anche troppo, però non riesco a rinunciare... è una cosa che faccio per me sola, una delle poche e la considero un privilegio. Ciao ^_^

      Elimina

Che ne pensi? e dai!!! lasciami un commento...