giovedì 25 febbraio 2016

* Prove di home schooling

Già da prima che la Gnoma iniziasse a frequentare la scuola materna abbiamo cominciato ad interessarci all'Home schooling, o Scuola parentale, nell'ottica di un futuro ritorno in barca e di giri a vela per il mondo, e ci si è aperto un universo parallelo di esperienze estremamente interessanti.
Secondo dati aggiornati al 2012 i ragazzi educati a casa negli Stati Uniti sono all’incirca 2 milioni, mentre sono pressoché 70 mila in Inghilterra, 60 mila in Canada, 3 mila in Francia e 2 mila in Spagna; in Italia non si hanno statistiche definitive, ma le famiglie che fanno educazione parentale sono all’incirca un migliaio.
Home schooling
L'apprendimento ha un carattere spontaneo: i bambini imparano ed assimilano tutto quello che li circonda in modo assolutamente istintivo per emulazione, specialmente ciò che è importante nel loro ambiente sociale e culturale, o che li interessa maggiormente in quel momento, e questa è una cosa che io e il Capitano verifichiamo ogni giorno.
Home schooling
Qualsiasi occasione quotidiana può diventare opportunità di trasmissione di un sapere alla Gnoma, che impara quasi senza rendersene conto cose che vanno dall'esistenza delle tridacne al funzionamento del sistema solare, dalle operazioni elementari all'uso corretto dei verbi.
Home schooling
E più si va avanti nel tempo e nell'acquisizione di competenze, più è lei a chiedere di "insegnarle"... anche la matematica diventa un gioco divertente e non risulta barbosa e incomprensibile come è successo a me quando ero bambina.
Home schooling
Al momento lei ancora frequenta una scuola, ma in futuro, in caso di "espatrio per mare" sapere di avere l'opportunità di poterci prendere cura noi - fino a un certo punto e con l'ausilio dei tantissimi materiali in rete - della sua istruzione è molto confortante.
Per chi volesse approfondire l'argomento, ecco qualche link interessante:

^_^

13 commenti:

  1. Ci sto pensando da un bel po', sai? E purtroppo ci ho ripensato molto ultimamente a causa di una brutta avventura con una serie di supplenze indecenti (volevo scrivere "inadeguate", per essere diplomatica, ma ahimè è molto più adatto il termine indecenti)

    Lei la conosci? https://sybilletezzelekramerartblog.wordpress.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Silvia. Noi al momento siamo contenti e fortunati: la scuola senza zaino che frequenta la gnoma ha un corpo insegnate appassionato e solerte; hanno moltissimi laboratori extra didattici e sanno stimolare bene i bambini. Noi abbiamo scelto di non farle frequentare l'ora di religione e non potevamo cadere meglio: fa filosofia, adeguatamente adattata alla comprensione per dei bambini di prima, ma "discutono sul senso della vita", parole sue!
      Non conoscevo Sybille, sembra proporre molto materiale interessante! grazie!

      Elimina
  2. Io faccio il tifo per voi, sempre.
    In questo caso lo faccio doppio, anche perchè vorrebbe dire vedervi riprendere il mare!!!
    Vi voglio bene!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Micia! quello di riprendere il mare per ora è solo un sogno, ma non lo perdiamo di vista... MAI! anzi lavoriamo per raggiungerlo, vedremo... un abbraccione!

      Elimina
  3. Oh caspita, allora ci sono progetti seri nell'aria ( ma l avevo intuito...). Che bella idea e che belle prospettive Vale! La gnoma è una bambina veramente molto fortunata, così come tutti quei bimbi che hanno la possibilità di muoversi, girare, imparare dai propri genitori e dal mondo prima ancora che sui banchi.
    Ecco, io ignoràvo l esistenza delle tridacne, ho dovuto cercare in google. Tanti baci a voi tre!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si Luna, progetti molto seri, anche se difficili da realizzare se non si soddisfano certe condizioni, ma intanto ci si prova! Mi hai fatto sorridere con al storia della Tridacna... consolati credo che moltissime persone non sappiano cos'è, anche se la sua conchiglia l'abbiamo avuta sotto gli occhi tutti prima o poi! pensa a quante acquasantiere nelle chiese hanno la sua forma! E degli onischi che mi dici? ti do un indizio: la gnoma, quando la sveglio al mattino, si appallottola sotto le coperte proprio come fanno loro quando li disturbi!!! eheheh noi ci si diverte così :oP (anche questa, se ci pensi, è home schooling!)

      Elimina
  4. credo che Sara sia molto fortunata a poter sperimentare il vostro appassionato impegno.
    un abrraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. zio Paolo ti ringrazio... in fondo ci divertiamo anche noi con lei, è un modo per farle apprendere le cose con leggerezza, appunto giocando: ho l'impressione che così trattenga molto di più tutto quello che le viene insegnato.

      Elimina
  5. si, concordo.
    anche se penso che ogni scelta abbia le sue controindicazioni ... ma sperimentare nuovi modi, nuove strade, averne il coraggio è una buona cosa, specialmente quando i limiti di quello che si "lascia" sono così nettamente visibili.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. certo "ogni scelta ha le sue controindicazioni", ma questo vale per tutto no?
      come ho scritto sopra, e tu già sai, per ora siamo molto contenti del percorso scolastico intrapreso dalla Gnoma; però è rassicurante sapere che nel caso abbiamo una seconda scelta e che, soprattutto in questa fase, possiamo arricchire la sua formazione anche a casa, pur senza essere degli "insegnanti" nel senso comune del termine! tanti baci anche a te!!

      Elimina
  6. dimenticavo: unsacccco di baci, siete talmente belli!

    RispondiElimina
  7. Ma lo sai che parlavo di home schooling proprio domenica pomeriggio? E questo in merito all'ormai conclamata ignoranza dilagante - e disperante - che affligge l'Italia. Siamo onesti, che senso può avere mandare un bambino, e poi un ragazzo, in una scuola che sforna diplomati come questi e che ha livelli di abbandono scolastico di questo tenore?
    Qualche quesito, secondo me, dovremmo porcerlo.

    RispondiElimina
  8. Dimenticavo: siete bellissimi e non vedo l'ora di rileggere le vostre avventure di mare! Dai che ce la si fa (io faccio sempre il tifo per voi, lo sai vero?)!

    RispondiElimina

Che ne pensi? e dai!!! lasciami un commento...