sabato 11 aprile 2015

* Brevi cronache di Pasqua

Vi raccontavo della spianatoia e della sua immediata inaugurazione per fare la sfoglia all'uovo e la pasta sfoglia per la Millefoglie per il pranzo di Pasqua.
Ecco brevemente i risultati degli impasti:
la sfoglia all'uovo, trasformata in rotolo di spinaci è venuta bene, come si intravede dalle foto della tavola pasquale
Tavola di Pasqua
decorata molto semplicemente con i fiori del nostro giardino, dei semi di crescione fatti germogliare nei gusci delle uova, e i sottopiatti dipinti a mano dalla nonna del sud
Tavola di Pasqua

Tavola di Pasqua

Tavola di Pasqua
Quanto alla pasta sfoglia per il Millefoglie è venuta molto buona di sapore, molto friabile, forse un po' troppo croccante visto che al momento del taglio la crema è strabuzzata da tutti i lati (la prossima volta dovrò farla cuocere diversamente), inoltre ho tagliato un po' più piccolo uno dei tre cerchi con cui comporre la torta che è venuta sbilenca... insomma ve la faccio vedere che è meglio:
ecco a voi la torta Millefoglie più brutta della storia! ma anche molto buona visto che in questa foto c'è solo quello che ne resta immortalata alla luce del tramonto...
Torta Millefoglie più brutta della storia
Ma la giornata non l'abbiamo passata solo a tavola. 
C'è stata anche una caccia alle uova organizzata per la Gnoma, che da settimane aspettava l'arrivo del Coniglio Pasquale...
Per renderla più articolata e coinvolgente il Coniglio ha pensato di nascondere l'uovo grande tradizionale commissionato dai nonni (con buona pace del nostro Boicot Nestlé) insieme a quattro contenitori a forma di uovo, di cartone o di plastica, con dentro delle piccole sorprese sicuramente gradite alla Gnoma e degli ovetti di cioccolato.

Caccia alle uova
L'uovone, molto appariscente, l'ha trovato tra i carciofi...
Le uova più piccole erano invece segnalate appositamente da dei simpatici animaletti.
Un principe ranocchio
Caccia alle uova
una coccinella 
Caccia alle uova
un coniglietto
Caccia alle uova
e un pulcino, che c'è ma non si vede...
Caccia alle uova
Insomma un bel bottino di piccoli giochi, di cioccolato, ma soprattutto di divertimento e felicità gnomesca. Il commento, disarmante nella sua semplicità, è stato questo: "Come è stato bravo questo Coniglio!!!"
:o)

4 commenti:

  1. Che carina la tradizione della caccia all uovo! Divertente e anche educativa altro che 12 uova per ogni bambino che poi non le guardano nemmeno: sono solo presi dalla frenesia di aprirle, dopodiché accantanano la sorpresa e, immediato, scatta il dilemma di cosa fare con tutto il cioccolato....così invece rimane un bellissimo ricordo e non ci sono sprechi: brava Vale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai colpito nel segno Luna, la mia intenzione è creare una serie di bellissimi ricordi, soprattutto!

      Elimina
  2. Ma che bella tavola e... che buoni dovevano essere i piatti! Mi hai fatto venire l'acquolina in bocca!
    Sono d'accordo con Luna per quanto riguarda la caccia all'uovo: noi non l'abbiamo mai fatta, ma credo che per i bimbi sia davvero una bella esperienza. Bravissimi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Viviana io ricordo che quando ero bambina, ma già abbastanza grandicella, quasi tutti gli anni mia nonna organizzava questa caccia alle uova nel suo giardino per me e gli altri suoi nove nipoti. Benché io sapessi benissimo che le uova ce le aveva nascoste lei e non il fantomatico coniglio pasquale, mi divertivo tantissimo nella ricerca. È grazie al ricordo di quel divertimento che ho deciso di portare avanti questa usanza, perché credo che alla fine sarà questo che rimarrà impresso indelebilmente nella Gnoma, e non tanto quante uova c'erano, come erano e cosa ci fosse dentro... e poi, te lo confesso, mi diverto tanto anche io a pensare cosa escogitare di diverso da un anno all'altro e a seguirla nella sua caccia!!
      Insomma evviva le emozioni, abbasso il consumo!!

      Elimina

Che ne pensi? e dai!!! lasciami un commento...