martedì 4 febbraio 2014

* Notizie dal pollaio

Con una vecchia macchina compatta, ecco uno scatto della superproduzione giornaliera - o quasi - delle pollastre.


Amano entrambe lo stesso angolino per deporre e ogni volta spostano tutta la paglia da una parte. 
Diventano sempre più confidenti, anche se la più "anizana" tra le due - hanno sei mesi di differenza una dall'altra - si dimostra sempre un po' più timorosa.
Il loro menù comprende granaglie miste, pane secco - home made - ammollato - trifoglio del prato, e ogni tanto anche un bel lombrico grassoccio, che si contendono animatamente.
La Gnoma ha deciso di cambiare i loro nomi: Cocca ora si chiama Titti, e Cesira si chiama Cocca, io le chiamo Mimì e Cocò, il Capitano non le chiama affatto perché non bada a queste cose, speriamo non abbiano problemi di identità!!!

:o)

5 commenti:

  1. Secondo me ormai si credono anatre.

    O.T.

    Ho letto "che cosa ti aspetti da me?" e l'ho trovato molto bello :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Baol, ci sta che si credano anatre: te l'immagini se una mattina trovassimo un uovo d'oro come nella favola [vabbè, quella della favola era un oca, ma poco importa]? di certo noi non crercheremmo di prendere tutte le uova in una volta spanciandole, però! ehehe

      Riguardo a "Che cosa ti aspetti da me?" mi sa che l'ho letto proprio perché l'ho visto in una tua lista di libri letti, e dopo un inizio, diciamo, strano in cui mi chiedevo cosa volesse raccontare l'autore, me ne sono innamorata... molto bello davvero... mi sarebbe piaciuto conoscerlo un Tommaso Perez, e ho sottolineato diversi passaggi da riportare nel mio librino

      Elimina
  2. Mimi e cocò sono nomi consolidati pensa che anche quelle del nonno di MI si chiamano così che coincidenza :)

    RispondiElimina
  3. MommyMarty forse perché suonano proprio bene come nomi per una coppia!!!

    RispondiElimina
  4. Se le chiami Mimì e Cocò è ottima cosa che siano solo in due! Ha! Ha! Ha!
    Certo che le uova così devono avere tutt'un altro sapore... Ti prego, però, dimmi che le pennute, qualunque sia il loro nome, moriranno di vecchiaia e non di teglia... :-)

    RispondiElimina

Che ne pensi? e dai!!! lasciami un commento...