giovedì 26 luglio 2012

* rispettiamolo e rispettiamoci

immagine tratta dalla "Settimana enigmistica", ne ignoro l'autore, se dovesse riconoscere la sua opera sarò felice di segnalarlo
La brava Ilaria ha pubblicato tempo fa un bel post con i consigli di Legambiente per preservare il mare.
Quelli suggeriti da Legambiente, nel suo decalogo, sono comportamenti che si dovrebbero tenere sempre; mi auguro che sempre più persone riflettano su quanto i loro piccoli e grandi gesti quotidiani siano importanti per preservare non solo il mare, ma l'ambiente in generale e di conseguenza tutti noi.

D'estate le spiagge e i litorali vengono presi d'assalto e sfido chiunque a dire di non aver mai assistito ad un gesto incurante, come spegnere la cicca della sigaretta sulla sabbia e lasciarvela o buttarla in acqua, quando va bene... a me è capitato di trovare in un angolo un po' nascosto di una minuscola spiaggia libera della Costiera Amalfitana, un pannolino da bambino [insieme ad altri rifiuti vari], con il bidone della spazzatura a pochissimi metri!
Quando vivevamo in barca e navigavamo spesso, ci è capitato di raccogliere di tutto in mare, e proprio in proposito avevo scritto un post, pubblicando questa foto
opera di Klas Herbert Ernflo, designer e illustratore svedese che lavora come libero professionista a Barcellona, in Spagna
Una delle più belle campagne di sensibilizzazione in materia di preservazione dell'ambiente che mi sia capitato di vedere.

Per cui manteniamo le spiagge pulite e sottolineiamo i comportamenti sbagliati quando ci capita di esserne testimoni, anche se qualche volta potrà capitare di trovarci difronte ad un ignorante muro di gomma, come è successo a me, che facendo notare ad un signore che la cacca che aveva fatto il suo cane andava rimossa, mi sono sentita rispondere "...e che la devo togliere io?" 

e,  per dirla in "reggae style"...

img via A Voodoo City
 :o)

14 commenti:

  1. ....il livello del senso civico è così basso che mi sento spossata....e non sono ancora le 8!!!
    Ma quanto era bello quel blog, andavamo a guardarlo spesso per sentirci un po'a casa.
    ciao blu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ barbara sembra davvero incredibile, con tutto il parlare che si fa di rispetto dell'ambiente, che ci sia in giro ancora tanta gente così ignorante da non pensare che tutto quello che è fuori dalla porta di casa è bene comune, mio, tuo, suo, nostro, di tutti e quindi da preservare, come e meglio dei pavimenti lustrati con la cera e le pattine.

      Mancano anche a me le cose che raccontavo di là, soprattutto mi manca viverle, ma solo quelle belle, eh, mica quelle
      storiacce del pontile, quelle non mi mancano affatto!
      Il verde è il mio colore preferito, ma adoro il blu che spesso prende sfumature verdi pure lui...

      Elimina
    2. Ogni volta che passo (tutti i gg) la guardo, all'andata e al ritorno, guardo le macchine per vedere le vs.....ma niente. la storiaccia ha lasciato il segno e deve essere stato inciso parecchio. peccato che il blu vi abbia perso, anche se il verde oggi splende di più. vorrei aggiungere che, per seguire i vs consigli, ieri credo di avera gettato le chiavi di casa nel bidone dell'immondizia mentre ci buttavo i sacchetti.... a niente è servita la ricerca consapevole, con tanto di manico di scopa fornito di gancio gruccia per rovistare dentro quella delizia...niente da fare, chiavi nuove!!

      Elimina
    3. @ barbara è vero, ci andiamo poco, lo stretto indispensabile per controllare la Filibusta, far girare un po' il motore, ogni tanto darle una pulita... di solito ci va Marco, io evito se posso, il solo incrociare quegli imbecilli mi irrita. Ha inciso eccome!

      ahaha le chiavi, ma io mai ti ho suggerito di differenziarle!!! mi dispiace, capita, credo che sia capitato anche a me una volta.

      Elimina
  2. Io personalmente sto attenta a non lasciare sulla spiaggia nulla, e quando dico nulla, vuol dire proprio nulla... certa gente la sotterrerei viva insieme al loro schifo!
    p.s. Spettacolo di cartellone l'ultimo :)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Sarah non avrei mai dubitato che tu fossi una super attenta a queste cose... io pure farei come te, o al limite come l'omino della vignetta in apertura del post! Ne feci un mega cartello da mettere in spiaggia a Erchie, un piccolo paesino della Costiera Amalfitana, dove andavo al mare prima di venire a vivere qui [e dove trovai il sudetto pannolino accartocciato...]

      Elimina
  3. Ciao Vale, grazie per avermi citata!
    Molto utile ma anche simpatico il tuo post.
    Non conoscevo la campagna di sensibilizzazione con i rifiuti fatti a pesce, una genialata!
    Un pannolino in costiera amalfitana... che scempio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Ilaria mi sembrava doveroso citarti visto il tuo post completo ed esauriente. Forte vero quel manifesto, peccato non poterne avere uno originale, mi piacerebbe moltissimo!

      Quanto ai rifiuti sulle spiagge (e nel mare) della Cotriera, meglio non parlarne e stendere un velo pietoso... l'ignoranza impera, come in molti posti d'Italia.

      Elimina
  4. magari la gente ascoltasse questo vostro appello ai rifiuti vedo gente che butta di tutto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Gunther magari la gente ascoltasse le voci ben più autorevoli della nostra! è troppo impegnativo forse, molto più semplice interessarsi di dove va in vacanza quest'estate la velina di turno e quale sia il suo fidanzato...

      Elimina
  5. io vorrei tanto essere come l'omone della vignetta per fare proprio come lui...e non solo sulla spiaggia ma praticamente ovunque!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Baol pur'io, si, lo ammetto, la prima reazione davanti a certi gesti è rabbiosa, poi respiro, cerco un atteggiamento zen e di parlare con calma... le risposte che ricevo in genere fanno rimontare la rabbia in un secondo, e addio zen!

      Elimina
    2. Certo, parlare, però il fatto che questi siano così incivili presuppone che, con loro, parlare, non serva a nulla

      Elimina

Che ne pensi? e dai!!! lasciami un commento...